Ecco un passo fondamentale per migliorare il mondo: smettere di raccontarsela.

Cioè fare un esame di coscienza per capire se e in che ambiti siamo intellettualmente disonesti, e cerchiamo, per non sentirci in colpa, di accomodare la nostra visione della realtà in modo che tutto appaia più comodo e deresponsabilizzante per noi. Fino a distorcere la realtà in modo anche grossolano, con affermazioni che possono essere non leggermente inesatte, ma proprio corrispondenti al contrario della verità. Fino a dare giustificazioni che apparirebbero grottesche se non ci fosse di mezzo il danno che provocano.

Faccio un esempio, basato su una conversazione realmente accaduta.

Piatti e posate usa e getta sono antiecologici
Non è vero: questi sono biodegradabili
L’usa e getta è comunque antiecologico rispetto al piatto di ceramica che viene riutilizzato, perché in generale più oggetti si producono, più si inquina
Si inquina anche a produrre il detersivo con cui si lavano i piatti di porcellana
Si inquina molto meno, perché il detersivo è concentrato e ne servono poche gocce.

Era davvero indispensabile che io dessi queste informazioni per far capire che i piatti usa e getta sono antiecologici? No. Sarebbe bastato riflettere per pochi secondi. Ma la vera volontà della persona con cui parlavo non era una condotta più ecologica possibile. Era semplicemente giustificare un comportamento di comodo con argomentazioni che crollano appena si guardano i numeri…

In particolare chi ha un atteggiamento del genere si avvale dell’effetto particolarmente suggestivo di frasi snob da pseudo-tuttologi della domenica. Frasi ad effetto, che però sono basate sul nulla. Ad esempio:

“I pannelli solari sono una fregatura: si inquina e si spende di più per la manutenzione rispetto a quanto si risparmia in termini di soldi e di ecologia.”

Sentenze che squalificano un intero settore basandosi su circostanze che possono essere vere per una piccola parte di casi. Nell’esempio dei pannelli solari, quell’affermazione magari è vera se al tempo stesso si considera la tecnologia di una vecchia generazione di pannelli e un’abitazione con pochissimo spazio a disposizione.

Se non hai voglia di migliorare il mondo, semplicemente evita di farlo, ma almeno non divulgare sciocchezze o mezze verità ce contribuiscono a peggiorarlo.