“Son cascato sullo sterco, però il cavallo era di razza”

“Ho investito un gattino, però piccino”.

Ti piacciono questi due adagi? Li ho inventati io stasera.

Servono a prendere in giro chi, dovendo ammettere un errore perché messo ormai alle corde, si affretta a minimizzare, anche se è un tentativo peggiore che tacere.

Fra le cose di cui il nostro mondo ha bisogno c’è il coraggio delle persone di ammettere di aver sbagliato, e di riconoscere che il proprio errore è stato importante. Saranno gli altri, magari, a dire che è cosa di poco conto, di cui non c’è da preoccuparsi troppo.

È facile essere tentati di minimizzare uno sbaglio, quando a commetterlo siamo stati noi, ma a subirne le conseguenze è stato (o è tutt’ora) qualcun altro.

Ma il nostro sbaglio è piccolo e trascurabile se davvero ha arrecato poco danno agli altri, non se è poca la nostra voglia di ripararlo e/o chiedere scusa.